Ecobonus e bonus ristrutturazioni 2022

Detrazioni fiscali per risparmio energetico e ristrutturazioni edilizie 50% 65% e 110%

Con il Decreto Legge Rilancio (17 Luglio 2020) sono state apportate grosse novità in materia di ristrutturazione edilizia e miglioramento energetico. Fino al 31 dicembre 2021 sarà possibile usufruire della detrazione fiscale fino al 110% a patto che gli interventi di riqualificazione energetica siano associati ad uno dei seguenti interventi trainanti: interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate; sostituzione degli impianti di climatizzazione; interventi antisismici sugli edifici presenti nelle zone antisismiche 1,2,3. In questi casi gli interventi agevolati dalla detrazione del 50% o 65% possono usufruire della detrazione fiscale del 110% in 5 anni. Tutti gli interventi di riqualificazione energetica, non associati ad uno degli lavori trainanti, continuano a godere della detrazione del 50% e 65%.

 

 

ECOBONUS 50% e 65%

Per gli interventi di riqualificazione energetica, le agevolazioni consistono in una detrazione Irpef o Ires, e sono concesse quando si eseguono lavori mirati ad aumentare il livello di efficienza energetica degli immobili esistenti.

Ad esempio: potrà essere sostituita la caldaia a gas con una più efficiente purché in Classe Energetica non inferiore alla Classe A ed usufruire della Detrazione al 50% oppure sostituire la stessa caldaia ma corredata di un "sistema di termoregolazione evoluto" usufruendo della Detrazione al 65%. Un "sistema di termoregolazione evoluto" è quel sistema in grado di "correggere la curva climatica" di un generatore e modificarne in modo diretto il funzionamento; pertanto sono considerati validi i cronotermostati dotati di sonda climatica esterna perché agiscono direttamente sul funzionamento della caldaia (Classi V e VI); le valvole termostatiche sono considerate valide solo se installate (in un numero minimo di tre) in concomitanza alla sostituzione della caldaia e solo se "a bassa inerzia termica" (Classe VIII), negli altri casi non sono valide perché perché agiscono direttamente sui terminali di impianto.

In particolare, la detrazione del 65%, è riconosciuta se le spese vengono sostenute per:

  • la riqualificazione energetica di edifici esistenti
  • l'installazione di pannelli solari
  • la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompa di calore ad alta efficienza (condizionatori aria-aria)
  • la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompa di calore ad alta efficienza (chiller e minichiller aria-acqua) ed eventualmente anche i terminali di impianto (ventilconvettori) se acquistati insieme al generatore
  • la sostituzione di impianti di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore ad alta efficienza (COP>2,6)
  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di classe energetica A+ (caldaie già in Classe A corredate di cronotermostato evoluto e sonda esterna e/o di almeno tre valvole termostatiche), o con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, o l’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.
  • l'acquisto di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, produzione acs e climatizzazione (sistemi WI-FI - no cellulari/tablet/PC)

La detrazione è ridotta al 50% per le spese relative a:

  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe energetica A.
  • l'acquisto per la sostituzione o per la nuova installazione di generatori di calore alimentati a biomasse combustibili .
  • acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi
  • acquisto di schermature solari

 

 

Possono beneficiare delle agevolazioni fiscali tutti i contribuenti, anche titolari di reddito d’impresa, purché risultino proprietari o titolari di un diritto di godimento dell'immobile su cui effettuare gli interventi di riqualificazione energetica. L’Ecobonus verrà rimborsato a rate e per 10 anni.

 

Il tetto di spesa per l'Ecobonus , a prescindere dalla categoria catastale degli immobili esistenti è:

  • € 100.000 per interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti;
  • € 60.000 per involucro edifici esistenti ad esempio interventi su pareti, finestre e infissi;
  • € 60.000 per installazione di pannelli solari;
  • € 30.000 per sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

 

BONUS RISTRUTTURAZIONE 50%

Per le ristrutturazioni edilizie, la normativa prevede una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di grandi elettrodomestici di classe A+ o superiore e in generale per tutte quelle apparecchiature per le quali è prevista l’etichetta energetica, purchè tale acquisto sia finalizzato all’arredo dell’immobile oggetto della ristrutturazione edilizia.

 

Il Bonus ristrutturazione  può essere richiesto da tutti i contribuenti soggetti al pagamento dell’Irpef, residenti o non in Italia. La detrazione può essere richiesta non solo dal proprietario dell’immobile ma anche dal titolare dei diritti di godimento e da coloro che ne sosterranno le spese.

 

 

verifica su un impianto fotovoltaico con individuazione pannello danneggiato.

termografia

impianto idrico con verifica otturazione

Parliamo della termografia :

La termografia è una tecnica di analisi non distruttiva che si basa sull'acquisizione di immagini nell'infrarosso. Esistono due modalità di applicazione della termografia: la termografia per telerilevamento e la termografia a contatto. La termografia per telerilevamento trova impiego principalmente in edilizia, mentre la termografia a contatto si basa sull'utilizzo di rivelatori a cristalli liquidi e trova prevalentemente impiego in campo medicale... ed in particolare nella diagnosi del tumore della mammella chiamata termografia mammaria.

Con il termine termografia si intende la visualizzazione bidimensionale della misura di irraggiamento. Attraverso l'utilizzo di una termocamera (strumento per eseguire controlli di tipo termografico) si eseguono controlli non distruttivi e non intrusivi. Le termocamere rilevano le radiazioni nel campo dell'infrarosso dello spettro elettromagnetico e compiono misure correlate con l'emissione di queste radiazioni.

Questo strumento è in grado di rilevare le temperature dei corpi analizzati attraverso la misurazione dell'intensità di radiazione infrarossa emessa dal corpo in esame. Tutti gli oggetti ad una temperatura superiore allo zero assoluto emettono radiazioni nel campo dell'infrarosso.

La termografia permette di visualizzare valori assoluti e variazioni di temperatura degli oggetti, indipendentemente dalla loro illuminazione nel campo del visibile. La quantità di radiazioni emessa aumenta proporzionalmente alla quarta potenza della temperatura assoluta di un oggetto. Da noi si effettua servizio professionale per individuare problemi inerenti a perdite idriche termiche e anche problemi di surriscaldamento elettrico per info 3389580883